Azienda Agricola Moscarelli - Sulla Sgusciata
info@aziendaagricolamoscarelli.it

Avena

Home » » Avena

Avena

Interessante l'uso in consociazione con alcune leguminose per la produzione di fieno destinato all'alimentazione degli equini.
La granella grezza è l'ideale per l'alimentazione eqina.
L’avena ha i consumi idrici più alti di tutti i cereali, escluso il riso, per cui è particolarmente suscettibile ai danni da caldo e da siccità, specialmente durante la granigione: è per questo che è specie ben adatta ai climi freschi e umidi.
Delle due specie l’A. byzantina sopporta la siccità e le alte temperature molto meglio dell’Avena sativa, per cui le troviamo distribuite in ambienti nettamente differenziati: nei climi (Mediterraneo, Medio Oriente) la byzantina, in quelli freschi (Centro e Nord Europa) la sativa.
Le principali avversità non parassitarie sono le seguenti: il gelo invernale che quando arriva presto o bruscamente, può provocare la distruzione delle semine d’autunno; l’allettamento al quale la maggior parte delle varietà disponibili non resiste in maniera soddisfacente; la stretta, frequente data la tardività della specie e i suoi elevati consumi idrici, tuttavia l’effetto “stretta” non è percepito in tutta la sua gravità, dato che la granella è vestita. Le principali avversità parassitarie dell’avena sono il carbone (Ustilago avenae), le ruggini (Puccinia coronata avenae e P. graminis avenae), l’oidio (Erysiphe graminis) e i nematodi: Ditylenchus dipesaci o anguillula dei culmi, e Heterodera avenae o anguillula delle radici. Contro le malattie crittogamiche bisogna puntare sulla resistenza genetica; contro i nematodi non c’è che da evitare di far tornare l’avena di seguito sullo stesso campo.

Disponiamo sia di Avena byzantina (avena scura) che di Avena sativa (Avena chiara).








 

VAI ALLA GALLERY PER ALTRE IMMAGINI DEL PRODOTTO